Ordina entro martedì 26 marzo per ricevere in tempo per Pasqua!

Press tour sul territorio

Una press tour andato in scena sabato 15 giugno, dedicato ai giornalisti del settore enogastronomico. A loro è stata riservata un’immersione nella realtà Carlotto e nel contesto della valle dell’Agno per vivere storia, cultura e territorio, con il patrocinio del Comune di Valdagno e in collaborazione con ProValdagno.

Felicissimi di aver ospitato il giornalista Luigi Costa della Guida dell’Espresso, la blogger Giovanna Malfiori e la giornalista Susy Ongaro di TV 7 Gold.

Tutto ha avuto inizio con una colazione alla Pasticceria dall’Alba per incontrare Enrico, il titolare, che ha realizzato in occasione del Centenario un delizioso dessert “Primo sole” utilizzando i liquori Carlotto Zabaione e Fior d’Agno. E’ seguita la visita d’obbligo al Locale Storico per apprezzarne lo stile, la particolarità e il racconto della sig.ra Carlotto tra sapori, storia, aneddoti e riconoscimenti ricevuti in 100 lunghi e importanti anni. La Professoressa Valeria Sandri, una delle colonne portanti della ProValdagno, ha condotto i nostri giornalisti in una visita alla Città Sociale di Valdagno: la storia con le sue trasformazioni economiche, urbanistiche e sociali, si fonde in gran parte con la storia dell’industria laniera Marzotto. Per la comunità valdagnese infatti i Marzotto furono l’elemento determinante della sua rinascita e delle sue moderne fortune, del passaggio del paese da una condizione di arretratezza, analfabetismo e precarietà alla cosiddetta “città sociale” o “città dell’armonia”. Giunta lora di pranzo abbiamo scelto di accompagnare i nostri ospiti alla Chiesetta del Muccion, ristorante immerso nella natura con una vista strepitosa sulla vallata dell’Agno. Filippo e Alessandra, i giovanissimi titolari del locale, hanno dato sfogo alle loro prodezze svelando il Menù appositamente realizzato in occasione del nostro Centenario: trota salmonata e aria di Doppio Kümmel come antipasto, Risotto, asparagi ed Elixir di Rabarbaro di primo, Branzino, ortiche e La China come secondo piatto e per finire Fragole e Certosa di dessert. Anche la Chiesetta del Muccion come la Pasticceria Dall’Alba e numerose altre attività gastronomiche di Valdagno e non solo fanno parte del progetto “Contaminazioni di Carlotto” nato quasi spontaneamente dall’iniziativa di alcuni locali della valle dell’Agno, decisi a proporre le loro personali rielaborazioni dei prodotti Carlotto. In pochi mesi il progetto si è ingrandito, diffuso e continua a raccogliere adesioni, divenendo una vera e propria rete locale che ha fatto dei prodotti Carlotto lo strumento per rinvigorire un intero indotto territoriale che ruota attorno all’enogastronomia e non solo. Una volta concluso il piacevole pranzo siamo scesi a visitare la meravigliosa Contrada Rossati dove ad aspettarci il signor Rolando Rossato insieme alla nuora Elisabetta e ai nipotini Vittorio e Mattia. Addirittura un museo custodisce attrezzi, abbigliamento e arnesi di cento anni fa legati alle persone che hanno vissuto la contrada stessa. Al termine della visita anche di alcune abitazioni rimaste inalterate a distanza di cento anni, siamo tornati in paese, l’unico “vero” centro storico della vallata, dove la sua importanza per dimensione e per interesse, lo rendono un punto di riferimento e di aggregazione insostituibile. Prima di chiudere in bellezza con la visione dello spettacolo teatrale a Palazzo Festari alle ore 21, apericena presso un altro locale contaminato dal Centenario, il Caffè Corso Italia 47 dove abbiamo degustato l’aperitivo denominato Corso ‘900 e impreziosito dalla presenza dell’Amaro ‘900 Carlotto e dalla maresina. E allo scoccare delle 21 si è aperto il sipario dello Spettacolo teatrale #carlotto100 con La Piccionaia: quale migliore momento ricco di emozione e trasporto, per concludere il Press Tour.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo!

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Ci dispiace, torna quando sarai maggiorenne

Conferma la tua età

Per procedere alla navigazione sul nostro sito devi aver compiuto 18 anni. Confermi di essere maggiorenne?